CINQUANTASEI DI TRECENTOVENTICINQUE

IMG_3040

dal BLOG  di Costanza Miriano

gender packaging
immagine  gender

56. Un’altra sfida emerge da varie forme di un’ideologia, genericamente chiamata gender, che «nega la differenza e la reciprocità naturale di uomo e donna. Essa prospetta una società senza differenze di sesso, e svuota la base antropologica della famiglia. Questa ideologia induce progetti educativi e orientamenti legislativi che promuovono un’identità personale e un’intimità affettiva radicalmente svincolate dalla diversità biologica fra maschio e femmina. L’identità umana viene consegnata ad un’opzione individualistica, anche mutevole nel tempo».[45] E’ inquietante che alcune ideologie di questo tipo, che pretendono di rispondere a certe aspirazioni a volte comprensibili, cerchino di imporsi come un pensiero unico che determini anche l’educazione dei bambini. Non si deve ignorare che «sesso biologico (sex) e ruolo sociale-culturale del sesso (gender), si possono distinguere, ma non separare».[46] D’altra parte, «la rivoluzione biotecnologica nel campo della procreazione umana ha introdotto la possibilità di manipolare l’atto generativo, rendendolo indipendente dalla relazione sessuale tra uomo e donna. In questo modo, la vita umana e la genitorialità sono divenute realtà componibili e scomponibili, soggette prevalentemente ai desideri di singoli o di coppie».[47] Una cosa è comprendere la fragilità umana o la complessità della vita, altra cosa è accettare ideologie che pretendono di dividere in due gli aspetti inseparabili della realtà. Non cadiamo nel peccato di pretendere di sostituirci al Creatore. Siamo creature, non siamo onnipotenti. Il creato ci precede e dev’essere ricevuto come dono. Al tempo stesso, siamo chiamati a custodire la nostra umanità, e ciò significa anzitutto accettarla e rispettarla come è stata creata.

VOglio  la Mamma

AVVENIRE
>>> Gender, i cinque punti per fare chiarezza

MISERICORDES SICUT PATER!


Amoris Laetitia  
                                      Amoris laetitia 
INNO UFFICIALE DEL GIUBILEO DELLA MISERICORDIA
PUBBLICATO SU YOU TUBE
L’inno ufficiale si apre il motto del Giubileo «Misericordes sicut Pater» [Misericordiosi come il Padre] tratto dal vangelo di Luca (6,36).
Paul Inwood e p. Eugenio Costa SI, rispettivamente  autori della musica e del testo, hanno donato ogni diritto di sfruttamento di questa opera al Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione al fine di facilitare la diffusione dell’Inno del Giubileo della Misericordia in tutta la Chiesa.
Registrazione eseguita dalla Cappella Musicale Pontificia,
diretta dal maestro mons. Massimo Palombella, SDB.
                         TESTO
Misericordiosi come il Padre (ritornello)
Rendiamo grazie al Padre, perché è buono
Rendiamo grazie al Figlio, luce delle genti
Chiediamo allo Spirito i sette santi doni
Chiediamo la pace al Dio di ogni pace
Ha creato il mondo con sapienza
Ci ha amati con un cuore di carne
Fonte di ogni bene, dolcissimo sollievo
La terra aspetta il vangelo del Regno
Conduce il suo popolo nella storia
Da Lui riceviamo, a Lui ci doniamo
Da Lui confortati, offriamo conforto
Gioia e perdono nel cuore dei piccoli
Perdona e accoglie i suoi figli
Il cuore si apra a chi ha fame e sete
L’amore spera e tutto sopporta
Saranno nuovi i cieli e la terra

One thought on “CINQUANTASEI DI TRECENTOVENTICINQUE

  1. Gender. Il vostro Gesù chi è, un uomo? Maschio o femmina, l’uomo? Uomo, nell’accezione latina era ciò che oggi noi diciamo uomo o donna, ma nel mondo della Bibbia non so e non mi interessa ora. Nato da vergine. E se poi si scoprisse che era solo una questione genetica ereditaria, che quella vergine ereditò da altra madre, magari persiana, la facoltà di generare verginalmente? Nel mondo greco-romano, come in quello indù (e noi tutti siamo indo-europei), vi erano altre vergini madre. Non guardate a questo o quel dio, Dio non esiste che nella coscienza ma è anche una proiezione mentale Gender. Ed è come se il mitico femminino avesse tirato fuori i muscoli per rivendicare un diritto esistenziale in un mondo patriarcale di abusi e privazioni. Dal lontano passato c’è tutta una covata di quegli eroi particolari, assurti alla gloria in circostanze particolari. Romolo, Gesù, Krisna, eccetera. Come se la cosa in sé,divina e virginea, scientificamente non provata, si ripetesse circa ogni duemila anni. Non sono colui che non sono: laicista, agnostico e animale razionale, non credo in alcuno Spirito invisibile, in alcun angelo o demone campato in aria, dove in definitiva solo virus e batteri. Se però le vergini madre non sono un mito, allora esiste una occulta linea genetica, una cosa rarissima e sporadica del fenomeno stesso. I vangeli non ci parlano di linea genealogica di Maria? Martilineare, mitocondriale, questa linea. Giuseppe gli dà solo l’onore di una discendenza, a quel Gesù, ma geneticamente, mitocondrialmente egli è tutto sua madre. Gender. Gender, che significa? I suoi poteri taumaturgici. Voi li dite del cielo, ma se fossero invece cosa naturale, causa di un’eccessiva:produzione di energia ribosomica a livello cellulare Per me non esiste il mana, io non sono un indù; per me i pranoterapeuti dovrebbero chiamarsi bioterapeuti. Gender. Per me quel Gesù lo era. Addio. .

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...